Titulo

Ritorno alle origini


Il movimento cafe racer o special in genere si sta evolvendo o forse ha cambiato pelle, trasformandosi in qualcosa di diverso da quello che era all'inizio ...ma forse sarebbe il caso di fare un passo indietro e tornare alle origini
Ma da dove viene questa mia riflessione ?




Che la strada sia fonte di ispirazione è noto, ma quando si ha la conferma di questa verità è come se ti dessero un schiaffo in pieno volto mentre stai dormendo...una scarica di adrenalina ti precorre il corpo e ti senti spiazzato e confuso, poi ti riprendi metti a fuoco quello che hai davanti agli occhi e realizzi quello che stai guardando.

Questo è quello che mi successo oggi, mentre ero per strada vengo sorpassato da un giovane ragazzo in sella alla sua moto ...una cafe racer, una vecchio Kawasaki Z400, ma niente di elaborato, anzi quasi grezzo , si vedeva era opera sua e che lo aveva fatto in garage...avrà speso 100 euro per farsi la sua moto che avrà recuperato in qualche cantina dove dormiva da anni un sonno troppo lungo.

Ma se la moto non era di nessuna rilevanza tecnica o estetica (per i parametri a cui vi ho abituato) invece il ragazzo era in pieno stile con la moto .
Il giubbino in pelle anni 70 , chiaramente usato, il jeans sdrucito e il capello con il suo bel ciuffo.
Insomma il ragazzo si vedeva che se la viveva la sua moto alla grande, senza seguire la moda che porta a spendere cifre folli per moto e abbigliamento.

Li ho capito che nel nostro mondo c'è qualcosa di sbagliato e che è necessario di ritorno alle origini!
Si perchè le cafe racer, erano quelle moto che si modificavano nel garage di casa, cercando di spendere il meno possibile, cercando di recuperare la vecchia moto del padre o un vecchio rottame comprato per pochi soldi, insomma sempre al motto di poca spesa tanta resa, ma l'obiettivo di avere un mezzo che fosse personale e ci regalasse la possibilità di essere liberi.
Le moto non sono più fatte per essere vissute e portate per strada ma solo per fare sfoggio durante l'aperitivo ala massimo a qualche evento.

Ora tutti si sono messi a fare moto è diventato un fenomeno di moda e i pezzi si sono alzati, si è creata una bolla speculativa che invece di rafforzare quello spirito iniziale ne ha svilito il suo senso iniziale.
Questi personaggi è facile da smascherare, basta chiedere loro cosa facevano prima di costruire moto ..quasi sicuramente ti risponderanno che facevano dei lavori strani dai nomi ancora più strani.

Lasciando stare i mostri sacri o chi era presente nel mondo dei motori prima di tutto questo turbinio di svoltine cromature, ma sono in troppi a lucrare su questo mondo.
Tutti ne parlano e si riempiono la bocca, giornalisti affermati convertiti al mondo delle special, dj che presenziano ad ogni eventi parlando senza cognizione di causa 
Quando tutto questo polverone di lustrini e luci da palcoscenico sarà finito molti di questi andranno a fare altro...magari organizzando eventi in altri ambiti.

Ora il ragazzo di questa mattina magari non conosce i personaggi e che popolano questo mondo e nemmeno gli interessa a lui interessa vivere la sua moto e sentirsi libero , soddisfatto del suo lavoro in garage e di certo non lo vedrete mai bussare alla porta di personaggi che vi ho indicato prima per chiedergli di fargli una moto..perchè lui i suoi soldi li spenderà in birra e benzina.


    

1 comment

La libertà di opinione verrà rispettata sempre, nei limiti della legalità. Qualora si ravvisino commenti offensivi ovvero in violazione di una qualsiasi normativa in vigore, il commento verrà cancellato ma conservato (con il relativo indirizzo ip di pubblicazione) per una eventuale azione legale.

RocketGarage Design. Powered by Blogger.